Raw chocolate coconut cake - vivirvegan

Raw chocolate coconut cake

Come si dice “ogni promessa è debito!”

eccovi la ricetta.

Un percorso interessante il crudo, non credevo mi appassionasse così tanto, ed invece più vado avanti e più mi affascina. Ricordo quanto a Cooperstown mi fecero assaggiare una raw bluberry cheesecake completamente vegan e cruda… da mangiarne una intera, fantastica! Poi la stessa esperienza si ripresento da Jackie a Sherbrooke. Stupenda esperienza di viaggio e studio. Grazie per avermi portato sino a qui… per avermi donato il vostro tempo. Non sono mai stato così ricco! Mettersi in gioco per scoprire che era proprio quello che volevi fare : cucinare con amore!

Ingredienti:

Per la base:

  • 1 tazza di noci
  • ½ tazza di datteri snocciolati
  • 1 cucchiaio di olio di cocco
  • 2 cucchiai di succo d’agave
  • un pizzico di sale integrale

Primo piano

  • 1/2 tazza noci macadamia
  • 1/2 tazza di anacardi
  • 4 cucchiai di olio di cocco
  • 1 cucchiaio di burro di cacao
  • 2 tazze di cocco essiccato
  • 1/2 bicchiere di acqua
  • un pizzico di vaniglia

Piano di cioccolato:

  • 1 avocado
  • 1pera
  • 1/2 bicchiere di pistacchi
  • 4 cucchiai di cacao grezzo in polvere
  • 1/2 barretta di cioccolato crudo
  • 2 cucchiai di succo d’agave
  • 1 cucchiaio di burro di cacao
  • un pizzico di vaniglia
  • un pizzico di sale integrale

 

Preparazione:

Prima di tutto metto a bagno la sera precedente gli anacardi che mi serviranno per il primo strato. Grazie ad un mixer potente, porto in farina le noci. Taglio in parti piccole i datteri e li aggiungo alla farina insieme ad un cucchiaio di olio di cocco ed un pizzico di sale. Lavoro fino ad ottenere un impasto omogeneo, quindi aiutandomi con una spatola, verso il risultato dentro una tortiera preferibilmente con cerniera formato 21 cm. Stendo in tutta la superficie, quindi ripongo la tortiera nel frigo e procedo con la preparazione degli altri strati. Il procedimento per gli altri strati è simile, ponendo attenzione al burro di cacao, che per i due strati dev’essere sciolgo a parte utilizzando l’essiccatore oppure a bagno maria senza portare l’acqua  superiore a 45 gradi. Quindi lavoro le noci nuovamente nel mixer, scolo gli anacardi e li aggiungo all’impasto. Lavoro ad impulsi fino ad ottenere un buon composto. Dopodichè verso gli altri ingredienti e frullo nuovamente fino ad amalgamare bene il tutto. Fuso il burro lo verso in un contenitore da cucina e aiutandomi con un leccapentole aggiungo quanto preparato per la base di cocco. Mischio bene e ripresa la tortiera dal frigo, aggiungo il composto ottenuto. Terminato il primo strato, riporto in frigo per minimo un’ora, in modo da solidificarne il piano. Nel mentre pulisco l’avocado e la pera che uniti nel mixer riporto in crema. Aggiungo i cucchiai di cacao grezzo, un pizzico di vaniglia e sale e rilavoro ad impulsi, sino ad amalgamare bene il tutto. Taglio a coltello i pistacchi e li aggiungo all’impasto. Infine ripeto l’operazione del burro insieme al cioccolato grezzo, quindi fusi li amalgamo per bene agli ultimi ingredienti e verso a copertura nella tortiera. Ripongo infine in frigo per minimo 4 ore.
Buona goduria 🙂

10 thoughts on “Raw chocolate coconut cake

    1. DAI!!!! Te la spedisco solo se mi prometti che mi prepari uno dei tuoi piatti super speciali!!! :)))))
      Ti seguo sempre con affetto e stima! Ciao cara Francesca a presto. Grazie per esser passata a salutarmi 🙂

  1. La cucina è arte, poesia, creatività.. e non c’è cosa più bella di cucinare con il cuore e per chi ami, sperimentando nuovi accostamenti di sapori e colori, facendosi trasportare dai profumi e cucinando “slow” 🙂 Questa tortina è favolosa e mi ha conquistato: sarà la mia torta di Natale, grazie!!!

    1. ma grazie a te per le tue splendide parole cara Veggieriot 🙂 . Hai ragione, cucinare con amore non ha prezzo! Io ho “appeso” da tempo giacca e cravatta per dare vita al mio sogno: vivir vegan e non tornerei indietro per nulla al mondo! Grazie ancora … a presto, buona vita a te! 🙂

    1. Questo augurio lo serbo preziosamente!! Grazie. Ora é tempo di “semina”… faticare al freddo per preparare il terreno alla raccolta…. la prossima grande sfida sará a maggio a Forno Canavese!
      Marianna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *